Di: Strategie di comunicazione – Daniela Esposito ufficio stampa

Il sogno del cinema diventa fuga verso l’ignoto nascosto tra le pagine di un copione, nei tagli della pellicola, nelle mutandine strette di una compagna d’avventure seduta accanto, all’ombra delle ultime file. La pellicola corre sulla bobina e infiamma le fantasie degli spettatori, mentre la vita reale cede il passo alla magia forgiata dai fratelli all’inizio del ‘900. E’ VECCHIO CINEMA, il singolo di JACOPO PEROSINO che anticipa il suo album di esordio, RETRÒ che esce accompagnato da un suggestivo clip che vede la regia di Giacomo Graziano e Riccardo Grando per Krolik Films Tra echi musicali dell’Est europeo e sapori circensi, il brano rappresenta perfettamente la vocazione alla canzone teatrale del cantautore piemontese che si muove tra immaginari onirici e suggestioni letterarie. Anche RETRO’, il suo primo album che uscirà il 22 febbraio per Isola Tobia label, si fa strada su questi binari. Si tratta, infatti, di un concept album che racconta la storia di un uomo, dalla fanciullezza all’età adulta, sino alla morte in guerra. Una vicenda che trae ispirazione da “Il Mantello”, atto unico di Dino Buzzati. CREDITS BRANO Autore: Jacopo Perosino Musicisti: Jacopo Perosino – Vocal, Piano Paolo Penna – Guitar Simone Torchio – Double bass Pietro Ponzone – Drums Luisa Avidano – Violin Cristiano Tibaldi – Clarinet Registrato e mixato da Fabrizio Chiapello presso Transeuropa Studio di Torino Masterizzato da Gianluca Patrito al G-Effect Studio di Torino Edizioni Isola Tobia Label CREDITS VIDEOCLIP Soggetto di Jacopo Perosino Regia di Giacomo Graziano e Riccardo Grando per Krolik Films Operatori cinematografici: Riccardo Grando, Raffaele Diacono, Irene Castrogiovanni Tecnico luci: Irene Castrogiovanni Montaggio, post produzione e color correction: Riccardo Grando Interpreti: Ferdinando Perosino, Fatma Alabd, Vittoria Briccarello, Federico Scornaienchi, Agnese Cerigo. Produzione esecutiva: Jacopo Perosino Edito da Isola Tobia Label Chi è JACOPO PEROSINO Cresce ad Asti con una palla da basket in mano. Quando non gioca, suona. Jacopo Perosino, classe 1988, esordisce nel 2011 al festival “A sud di nessun nord” con alcuni varietà e improvvisazioni di teatro-canzone. Il 2012 è anche l’anno in cui avvia il collettivo musical- teatrale Noàis, con il quale produrrà un disco e alcuni spettacoli, assieme ad alcuni musicisti e performer del panorama locale. Nel frattempo scrive un monologo per il teatro, “Figli del 68”, che va in scena ad AstiTeatro 35. Nel 2014 produce e registra con il collettivo Noàis e Archensiel Studio di Paolo Penna un album intitolato Lanterne (Punto Rec Studios edizioni). Il disco ottiene alcune recensioni importanti e consensi ed è inserito nei 40 finalisti per la “Targa Tenco per la Migliore Opera Prima”. Nel frattempo alterna la musica al teatro, con la stesura, le musiche e l’interpretazione del recital “Femmes dans la rue”, storie di donne coraggiose e poco ricordate. Nel 2015 vince con il brano inedito “Levante” il premio “Colline di Torino- InediTo”, nella sezione testo-canzone, presso il Salone del Libro di Torino. Tra il 2015 e il 2016 si esibisce con i Noàis in importanti rassegne nazionali quali Collisioni, Aria di Festival, ResetFestival, Tenco Ascolta, fino a concludere il tour promozionale in Germania presso lo storico Rondellkonzerte Music Festival. Nel 2017 inizia i lavori del primo album solista, Retrò, avvalendosi della collaborazione di Paolo Penna (già chitarre e arrangiamenti Noàis) e di Giulio Rosa (Roy Paci, Vinicio Capossela, Bandakadabra, ecc.). La produzione artistica viene curata da Fabrizio “Cit” Chiapello presso lo storico Transeuropa Recording Studios di Torino. Pubblicherà a breve un pamphlet tratto dal monologo “Figli del 68”, edito da Chinaski Edizioni.