La band siciliana ha ricevuto l’importante riconoscimento dell’Associazione vinile italiana in occasione del Festival Live Music Puta Radio Show

Grande soddisfazione per i Vorianova. La band siciliana si è infatti aggiudicata il Premio AVI 2020, assegnato dall’Associazione vinile italiana – presieduta da Carlo Lecchi – in occasione del Festival Live Music Puta Radio Show #indirettadacasatua. La giuria ha valutato positivamente in particolare l’impegno con cui il gruppo musicale porta avanti la cultura delle radici (anche linguistiche) attraverso la propria opera. Durante la kermesse, alla quale hanno partecipato molti cantautori, i Vorianova hanno presentato il loro ultimo singolo Affaccia cori miu (qui il videoclip https://www.youtube.com/watch?v=3PjWYDbvSZ0&feature=youtu.be), estratto dall’album Pàrtiri, pubblicato per Isola Tobia Label. L’importante riconoscimento è stato già ricevuto in passato da artisti che hanno fatto la storia della musica italiana quali, fra gli altri, Mario Lavezzi, Dario Baldan Bembo, i Camaleonti e Marco Ferradini.

Domenica 4 maggio, alle 21, su Tele’s Puta Radio, durante la puntata di Puta Radio Show, avverrà la cerimonia di consegna ufficiale – seppure per il momento a distanza – del premio.

 

Ci svegliamo stamattina – dichiara la band siciliana – ancora increduli dopo la vittoria inaspettata del Premio Avi 2020. Un premio che ci spinge ancora di più a credere nel nostro progetto Vorianova, progetto di nicchia ma che ha al suo interno un fortissimo desiderio di far conoscere una lingua ai più sconosciuta, attraverso la musica e le canzoni. Scriviamo da venti anni canzoni in dialetto siciliano, ma più precisamente nel dialetto del nostro paese d’origine, Isnello, per tramandare una lingua poetica e dunque per salvaguardare un patrimonio linguistico che altrimenti andrebbe dimenticato. Desideriamo condividere questo premio così importante con chi ha creduto e crede nei nostri stessi ideali, la nostra etichetta discografica Isola Tobia Label e il suo direttore artistico Carlo Mercadante, che ci ha permesso di mettere in luce la nostra canzone d’autore facendoci altresì oltrepassare i confini regionali. Un doveroso ringraziamento – concludono infine i Vorianova – va al Presidente dell’Associazione Vinile Italiana Carlo Lecchi, che ha apprezzato la nostra musica e ci ha ritenuto meritevoli di questo importante premio; a tutto lo staff di Puta Radio, in particolare al regista Franco Arcoraci patron del Festival Live Music per le parole su di noi con le quali ha motivato il premio , e inoltre grazie a Paky Arcella da Milano, Giusy Venuti dalla sede centrale di Puta Radio Tv ed Helga Corrao dalla sede di Puta Radio Tv di Messina”.

 

 

BIO VORIANOVA

La canzone d’autore dialettale siciliana è la caratteristica del progetto musicale dei Vorianova. Lontani dalle sonorità tradizionali ma con un sound più vicino al world progressive, la band porta avanti un progetto nato dal desiderio di conservare, approfondire e tramandare un linguaggio poetico che è espressione più profonda delle loro radici. È il vento dei Vorianova, gruppo siciliano la cui carriera è da sempre segnata dalla ricerca di un linguaggio diverso, attraverso l’uso della lingua d’origine del gruppo, il siciliano appunto, le cui caratteristiche simili a quelle di una koinè dialettale fanno sì che diventi quasi una scelta obbligata per poter esprimere con spontaneità il loro carattere. I Vorianova, nati in un piccolo paese della provincia di Palermo, Isnello, sin dai loro esordi hanno portato avanti una nuova idea di musica priva delle contaminazioni e delle influenze tradizionali, ma densa della voglia di raccontare una Sicilia intrisa di colori e profumi mediterranei. Una sicilianità ritmica ma insieme malinconica e intima. Le loro canzoni sono “cunti di ventu”, il vento come metafora di appartenenza, di ricerca e di desiderio di raccontare. Un vento tanto caro al gruppo, sin dalla scelta del nome: “voria” è proprio il termine con cui si usa chiamare il vento nel loro dialetto locale, un vento che è pietra miliare del loro percorso musicale. Un percorso che si è arricchito negli anni di premi e riconoscimenti, tra i quali nel 2002 il Premio della Critica dell’Accademia della Canzone di Sanremo, nel 2004 il Premio Migliore Interpretazione ad Abruzzo in Festival, e ancora nel 2006 la vittoria al Festival della Canzone di Lercara Friddi, dove vincono anche il Premio per il Miglior Testo. Successivamente, nel 2015, i Vorianova si affermano al Premio Rivelazione Pollina Sète Sòis Sète Luas e nell’ottobre dello stesso anno vincono il Premio “Siciliaterradamuri”. Nel 2017 sono ospiti alla decima edizione dello Sciacca Film Fest con il loro videoclip Cunti di ventu. Diversi gli album pubblicati dai Vorianova nel corso della loro carriera musicale, Uccia di terra, Nudanima, Cunti di ventu e nel 2019 il loro quarto lavoro discografico Pàrtiri, pubblicato dall’etichetta Isola Tobia Label e presentato in prima nazionale al Teatro Kopò di Roma, al quale segue un’intensa tournée concertistica in Sicilia e non solo. I Vorianova sono autori dei testi e delle musiche, “cunti” di quotidianità, in cui ognuno può ritrovare parte di sé. Esperienze di vita, degli altri ma anche nostre, un vivere quotidiano che è, per loro, fonte di ispirazione, dove nell’intreccio tra parole e musica c’è un vento, una “voria”, che soffiando tra le alture della Sicilia, tra i monti e le valli ricche di storia e tradizioni, si impregna di questa vita vissuta, tra passato e presente, e diventa canzone.

Riferimenti band

Facebook: www.facebook.com/vorianova

Instagram: www.instagram.com/vorianova

YouTube:  www.youtube.com/channel/UClYxDNG2kBi7xR3u9kCoOnw

Sito web: vorianova.it

Contatti ad uso stampa

Ufficio Stampa Isola Tobia Label ufficiostampa@isolatobialabel.com
Responsabile: Maria Ilenia Crifò Ceraolocell. 320 9032766